Benvenuti al Centro Politerapico Ribor

Orari : Lun - Ven: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00
  Telefono : +390298993771

All Posts Tagged: osteopatia

Riabilitazioni post-traumi

Trattamenti riabilitativi a seguito di traumi

Nell’immaginario comune la riabilitazione comprende un insieme di manipolazioni ed esercizi − spesso dolorosi − finalizzati al pieno recupero della funzionalità osteomuscolare dopo un trauma. Presso il Centro Politerapico Ribor, questa parola assume però un significato molto più ampio, perché gli interventi fisioterapici tradizionali si affiancano a pratiche mediche complementari che curano il paziente nella sua totalità. Ogni programma di riabilitazione viene infatti personalizzato secondo un approccio olistico che, oltre al recupero delle funzioni compromesse, mira a ripristinare l’equilibrio dell’intero organismo.

Valutazione del paziente e scelta delle cure
L’équipe del nostro centro è formata da medici specialisti, fisioterapisti abilitati ed altri competenti professionisti che accolgono il paziente e valutano gli opportuni interventi. Dopo la visita, vengono pianificati protocolli di cura calibrati sulle specifiche necessità di ciascun soggetto. Nell’ambito della rieducazione motoria, si somministrano prestazioni di alto livello attraverso diversi approcci terapeutici e attrezzature di ultima generazione.

I molteplici settori della riabilitazione
Il fisioterapista interviene su persone reduci da un trauma e, spesso, da un lungo periodo di immobilizzazione.

I campi in cui è applicato con successo il trattamento riabilitativo riguardano:

– i traumi articolari
– le lesioni muscolari
– le fratture ossee

Su decisione del medico, il paziente sarà sottoposto a trattamenti fisioterapici ed elettromedicali, ma anche a procedure afferenti alla medicina non convenzionale − quali, ad esempio, l’osteopatia.

Fisiokinesiterapia: di cosa si tratta
Chi, a seguito di una lesione, deve recuperare la funzionalità degli arti può trarre grande beneficio dalla fisiokinesiterapia − branca della fisioterapia specificamente finalizzata alla <strong>riabilitazione</strong> motoria. Una terapia manipolativa che può essere “attiva” quando il paziente esegue gli esercizi proposti dal terapista, mentre è detta “passiva” se i gruppi muscolari vengono stimolati dallo specialista. Oltre a restituire le funzionalità compromesse, tale approccio è anche in grado di migliorare la circolazione corporea e il metabolismo.

Tecarterapia
Dopo che si è subito un trauma, è possibile essere sottoposti a trattamenti di tecarterapia, che stimolano i muscoli coinvolti sviluppando calore all’interno della zona interessata. I benefici finali comprendono il potenziamento delle terapie antidolorifiche e la capacità antinfiammatoria: in questo modo, il dolore (che talvolta è purtroppo una costante!) viene eliminato durante le prime sedute, migliorando la qualità della vita della persona. L’attivazione energetica prodotta innesca i processi riparativi naturali insiti nell’organismo umano, abbreviando i tempi del recupero.

L’importanza dell’osteopatia nella cura dei traumi
L’osteopatia trova ampia applicazione nel trattamento dei disturbi della colonna vertebrale, delle cefalee e delle alterazioni della postura, ma è estremamente efficace anche per i problemi alle spalle e agli arti provocati da traumi. Si tratta di una tecnica di manipolazione che sfrutta il principio per cui il corpo può essere aiutato nella sua capacità di autoripararsi se le strutture dispongono di una buona mobilità. È però fondamentale che venga eseguita in modo adeguato da professionisti esperti. Dopo un trauma “sportivo”, in particolare, è essenziale adottare un approccio terapeutico corretto, poiché stiramenti muscolari ed altre problematiche possono ripresentarsi se non sono stati adeguatamente trattati.

Accanto alla funzione riabilitativa, l’osteopatia svolge anche un’importante azione preventiva verso l’insorgere di nuovi traumi.

Read More

Osteopatia: la cura del corpo come unità

 

L’unione di corpo e anima realizzata dall’osteopatia

Una definizione generale

Pratica della medicina complementare riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’osteopatia è definita dall’Osteopathic International Alliance come una cura basata sul contatto manuale.

Adottabile sia nelle fasi di diagnosi sia in quelle di trattamento, questa disciplina considera il paziente come unità costituita da spirito, mente e corpo: elementi che interagiscono indissolubilmente tra loro nel compiere i movimenti. In quest’ottica, il corretto movimento è visto come lo specchio dello stato di salute della persona: per tale ragione, la maggior parte dei disequilibri che affliggono la mobilità può essere individuata, e infine risolta, attraverso tecniche empiriche e manuali come la palpazione e l’analisi della postura.

Le metodiche osteopatiche comprendono inoltre l’utilizzo di massaggi, stretching e trazioni − che vanno ad agire non soltanto sull’apparato muscolo-scheletrico ma anche sui vasi sanguigni e persino sugli organi interni.

I disturbi curabili dall’osteopata
I trattamenti osteopatici possono essere impiegati per la diagnosi e la cura di un’ampia gamma di disturbi − a partire dall’apparato vertebrale e osteo-muscolare fino ad arrivare a quello viscerale. Tali pratiche si applicano tanto agli stati di dolore temporalmente circoscritti, quanto agli stati algici cronici; e rappresentano un valido aiuto anche durante il processo di riabilitazione a seguito di interventi chirurgici.

Pur non trattandosi di tecniche riabilitative propriamente dette, i trattamenti osteopatici possono comunque affiancarsi con successo alla fisioterapia, per il recupero di un benessere totale dopo un lungo periodo di immobilità.

Il successo delle terapie osteopatiche su una grande varietà di patologie è del resto testimoniato dal numero sempre maggiore di pazienti che decidono di percorrere questa strada per migliorare il proprio stato di salute. Ad oggi si stima che almeno il 7-8% della popolazione mondiale scelga il contatto manuale dell’osteopata.

Come opera la figura dell’osteopata
L’osteopata è colui che effettua diagnosi e terapie sul corpo del paziente utilizzando procedimenti manuali ed empirici come l’analisi posturale e la palpazione. Attraverso la manipolazione dei tessuti, il terapeuta è in grado di individuare i disequilibri presenti e di operare per risolverli, spesso limitandosi a stimolare la capacità di autoguarigione dell’organismo. In quanto medicina complementare che percepisce il paziente come unità, la tecnica osteopatica, oltre a concentrarsi non solo sull’area del dolore, agisce spesso anche nelle zone più lontane dal disturbo, per innescare una sorta di processo di “guarigione a catena”.

L’osteopatia e le altre discipline complementari applicate dal Centro Politerapico Ribor
Proprio il processo di guarigione a catena è uno dei punti-cardine della filosofia del Centro Politerapico Ribor − dove medici e operatori specializzati accompagnano da sempre ai trattamenti convenzionali le discipline della medicina complementare. Fra queste, ampio spazio è dato appunto alle pratiche osteopatiche − utili non soltanto nelle fasi di diagnosi e cura, ma anche ai fini della prevenzione.

Read More

La medicina complementare come chiave per ritrovare l’equilibrio dell’organismo

 

Per medicina complementare si intende un complesso di metodiche e discipline che, a seconda dei casi, possono essere impiegate da sole oppure integrarsi con le terapie tradizionali, potenziando gli effetti di queste ultime. Si tratta di azioni mediche ispirate a un approccio olistico, che pone al centro della cura la persona come un insieme inscindibile di mente, corpo e psiche. Secondo questa visione, l’uomo, nel corso della vita, può andare incontro a uno squilibrio energetico che provoca disturbi e malattie. Una volta individuato tale squilibrio, lo specialista potrà trattare la patologia conseguente, con interventi personalizzati e minimamente invasivi.

 

Riconoscimento dell’OMS

Le pratiche terapeutiche della medicina complementare − idonee a curare pazienti di tutte le età − hanno l’obiettivo di ripristinare una corretta relazione fra la componente fisica e quella intellettiva-spirituale della persona, migliorandone la qualità della vita. Sono tecniche riconosciute dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che devono essere applicate da professionisti abilitati. Il Centro Politerapico Ribor a Milano − dove vengono praticate, fra le altre: l’agopuntura, l’osteopatia e la riflessologia − assicura a ciascun paziente l’assistenza di specialisti di alto livello e di provata esperienza nella medicina complementare.

 

Agopuntura

Tecnica dalla storia millenaria, l’agopuntura è parte della medicina tradizionale cinese, che considera la persona nella sua interezza. Dopo aver riscontrato le disarmonie energetiche e individuato gli organi “”colpiti””, il medico agopuntore formulerà l’opportuna diagnosi e stabilirà un percorso di sedute terapeutiche su misura. A seconda del disturbo, le energie saranno stimolate o disperse, attraverso l’inserimento nella cute di aghi sottilssimi. Fra le patologie per le quali è particolarmente indicata l’agopuntura, ricordiamo:

  • Problemi ginecologici e ostetrici
  • Ansia e depressione
  • Dolori alle articolazioni e alla colonna vertebrale
  • Alterazioni funzionali di vario tipo

Osteopatia

Anche l’osteopatia considera ogni patologia come il sintomo di uno squilibrio psico-fisico, e valuta le alterazioni del corpo per risalire alle loro cause profonde e nascoste. L’apparente dicotomia mente-corpo vede, infatti, una necessaria interdipendenza fra le due dimensioni: il benessere è garantito quando questa relazione risulta equilibrata; in caso contrario, subentra la patologia. Con l’osteopatia, possono essere affrontati con successo i problemi che affliggono l’apparato muscolo-scheletrico, senza far ricorso ai farmaci. Ma non solo.

  • I trattamenti osteopatici riguardano diverse aree, quali, ad esempio:
  • i disturbi muscolo-scheletrici, come dorsalgie, discopatie, dolori vertebrali e colpi di frusta
  • i disturbi digestivi,  come colite, reflusso e stipsi
  • i disturbi ginecologici come dismenorrea, amenorrea e i problemi menopausali
  • le alterazioni posturali che possono portare artrosi e miopatie

Riflessologia

Anche tale pratica si fonda sul principio secondo cui, operando sul fisico, si agisce anche sulla psiche e viceversa. Perseguendo l’equilibrio energetico, la riflessologia rafforza il sistema immunitario, migliora il funzionamento degli organi e diminuisce lo stress. In base ai dettami della medicina tradizionale cinese, agisce sui cosiddetti meridiani, ricreando il corretto flusso di energia nell’organismo. Può essere efficacemente utilizzata per curare:

  • labirintiti
  • vertigini
  • lombalgie
  • sciatalgie

Ma si rivela efficace anche per chi non è affetto da alcuna patologia e desidera semplicemente accrescere il proprio benessere.

Read More

Addio a cefalea e dolori cervicali con l’osteopatia!

 

Il comune mal di testa, o cefalea, può essere causato da svariati fattori − come disturbi circolatori, infezioni o tensioni muscolari del tratto cervicale. Per individuare la terapia più corretta è fondamentale effettuare un’anamnesi accurata del paziente e formulare una diagnosi precisa del problema, che sempre più spesso è correlato ad un irrigidimento della muscolatura di collo e spalle. In questi casi, il trattamento osteopatico apporta un significativo beneficio, ripristinando la mobilità delle parti contratte e sconfiggendo il dolore insistente, con un approccio olistico che mira a ristabilire l’armonia tra corpo e mente.

 

Sintomi più comuni della cefalea da cervicale

Un dolore pulsante che si irradia dal collo fino a raggiungere la sommità della testa, associato a mobilità limitata di capo e spalle: è questo il sintomo più frequente di una cefalea dovuta alla cervicale. Ad esso si possono affiancare altri disturbi, quali:

  • vertigini e capogiri
  • nausea
  • disfunzione intestinale
  • formicolii agli arti
  • problemi alla vista

È comunque importante ricordare che la situazione può variare − anche notevolmente − da persona a persona, a seconda dello stile di vita individuale, dei diversi fattori scatenanti e della predisposizione genetica. Grazie al suo approccio globale e personalizzato, l’osteopatia si inserisce a pieno titolo fra le metodiche più efficaci nella cura dei dolori cervicali e del mal di testa conseguente. Agendo sulle cause profonde che determinano uno squilibrio nell’organismo, tale pratica riesce infatti a contrastare i sintomi e a scongiurarne la ricomparsa. Non a caso dal 2002 è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nell’ambito delle Medicine Complementari e Alternative.

 

L’intervento dell’osteopata sulle cause di mal di testa e dolori cervicali

I trattamenti osteopatici iniziano sempre dall’anamnesi del paziente: grazie alla conoscenza del pregresso, infatti, il terapeuta acquisisce informazioni preziose per individuare l’origine del disturbo (che può anche essere indiretta, ossia derivante da disfunzioni di altre strutture dell’organismo). Grazie ad un’accurata conoscenza dei rapporti tra gli organi e i diversi apparati corporei, l’osteopata è in grado di agire attraverso diverse tecniche di manipolazione:

  • strutturali, per ristabilire la mobilità ossea e articolare
  • viscerali, per favorire la corretta funzionalità degli organi interni
  • cranio-sacrali, che agiscono specificamente sulla colonna vertebrale
  • fasciali, che alleviano le tensioni nei tessuti ripristinando l’equilibrio del circolo vascolare e linfatico

A seconda della situazione, dunque, il terapeuta interviene applicando una o più tecniche specifiche e stabilendo con il paziente un percorso atto a correggere le abitudini dannose − ad esempio le posture scorrette − che possono favorire la ricomparsa del disturbo. Ricordiamo che il trattamento osteopatico non prevede l’utilizzo di farmaci in quanto mira a stimolare i naturali processi di autoguarigione del corpo umano. Tramite il sito, è possibile contattare il Centro Politerapico Ribor per ricevere maggiori informazioni sui trattamenti osteopatici contro i dolori cervicali associati a cefalea. Oppure prenotate un appuntamento conoscitivo!

 

Read More

La medicina complementare come chiave per l’equilibrio dell’organismo

La medicina complementare o alternativa identifica tutte le pratiche rivolte al benessere dell’organismo che si affiancano ai trattamenti della medicina scientifica o tradizionale.

Le pratiche di medicina complementare sono molte, diverse e variegate ma hanno in comune in generale una visione olistica della persona come un tutt’uno tra corpo e mente.

La riflessologia, l’osteopatia, l’agopuntura sono solo alcune di queste pratiche e tutte hanno come obiettivo quello di ripristinare l’equilibrio dell’organismo nella sua interezza.

Nonostante spesso non siano riconosciute dalla medicina occidentale, queste discipline hanno origini antichissime e si basano su uno studio molto approfondito della fisiologia, della psicologia e delle dinamiche energetiche del corpo umano.

I benefici di trattamenti di questo tipo sono molti e spesso inaspettati: oltre a curare i sintomi ed eventuali malesseri dell’organismo, infatti, la medicina complementare mira a prendersi cura dell’individuo nella sua interezza. Per questo tali pratiche riescono a ridurre stress, tensioni, stati di ansia o insonnia e addirittura aumentare le difese immunitarie dell’organismo, stabilizzare l’umore, curare stati infiammatori che portano a dolori o inestetismi come la cellulite o l’acne, migliorare la circolazione sanguigna, l’equilibrio ormonale e il metabolismo.

Tutto questo grazie a pratiche non invasive che partono sempre dall’analisi dei bisogni del paziente e lo accompagnano in un percorso di cura e auto-cura i cui effetti sono ben visibili sul lungo periodo.

Quello che facciamo al Centro Ribor è proprio questo: affiancare le pratiche diagnostiche e curative della medicina tradizionale a quelle della medicina alternativa, per una cura completa e personalizzata dei nostri pazienti.

Vi aspettiamo.

Read More

Osteopatia: la cura del corpo come unità

L’osteopatia è una tecnica riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e basata sula contatto manuale per la valutazione, la diagnosi e il trattamento di diverse patologie.

Il principio guida dell’osteopatia è che il corpo è un’unità, per cui i trattamenti osteopatici sono volti a ripristinare l’equilibrio generale dell’organismo, delle sue funzioni e del suo benessere.

L’osteopatia, dunque, non è incentrata solo sulla cura della malattia, ma sulla salute della persona per cui si avvale di un approccio causale e non sintomatico, ricercando le alterazioni che provocano stati dolorosi tramite il trattamento di zone anche lontane dalla zona dolorosa.

Il metodo osteopatico può essere utilizzato per il trattamento di una vasta varietà di condizioni cliniche che vanno da stati dolorosi passeggeri alla riabilitazione a seguito di interventi.

L’osteopata non utilizza farmaci o altri strumenti medicali, ma solo attraverso la manipolazione è in grado di ripristinare le corrette funzioni fisiologiche dell’organismo, innescando efficaci processi di autoguarigione.

Secondo una ricerca Eurispes del 2012 circa l’8% della popolazione ricorre con successo a trattamenti osteopatici.

Se anche voi soffrite di dolori osseo articolari o semplicemente volete ripristinare il corretto equilibrio del vostro organismo, prenotate un trattamento osteopatico presso il nostro centro.

Read More

La corsa porta grandi benefici. Ma in caso di dolori e traumi rivolgetevi agli esperti.

Quello della corsa è un passatempo che sta appassionando sempre più italiani. Fare running, soprattutto all’aria aperta è un ottimo modo per tenersi in forma e migliorare la propria salute.

Innanzitutto diversi studi hanno dimostrato che correre favorisce il benessere del sistema cardio-circolatorio, abbassando la pressione sanguigna e riduce il colesterolo. L’allenamento costante, inoltre, fa sì che la frequenza cardiaca a riposo diminuisca.

L’attività aerobica della corsa, inoltre, aiuta a tenere sotto controllo il peso, favorendo il metabolismo di grassi e zuccheri.

Anche l’umore ne beneficia, infatti la corsa stimola nel nostro corpo la produzione di endorfine, neurotrasmettitori che favoriscono i benessere psico-fisico e hanno addirittura proprietà analgesiche.

Ovviamente anche l’apparato muscolo-scheletrico trae beneficio dalla corsa: i muscoli si rafforzano e le ossa mantengono la loro densità.

Capita, però, che chi pratica running avverta dei dolori più o meno forti a seguito di un allenamento magari particolarmente intenso.

La corsa mette a dura prova i tendini e i muscoli e può capitare che si sovraccarichino causando dolori, microtraumi o veri e propri infortuni.

La maggior parte di questi inconvenienti che possono rendere decisamente meno piacevole l’attività di corsa sono causati da: scarpe sbagliate, adattamento del corpo al gesto atletico, riscaldamento inadeguato, correre con dolori che già sussistono, sovrappeso.

Se si verificano questi episodi è sempre bene non sottovalutarli, innanzitutto mettendosi a riposo e, in secondo luogo, rivolgendosi a professionisti esperti che possono intervenire per superare il trauma.

In particolare è raccomandabile rivolgersi a esperti osteopati o fisioterapisti che possono valutare la situazione e consigliare la terapia più adatta.

Se siete anche voi dei runners e avvertite dolori o avete subito traumi, vi consigliamo di prenotare subito una visita presso i nostri osteopati e fisioterapisti.

Read More

Mamme e mal di schiena

Sei in gravidanza o hai appena partorito e soffri di mal di schiena?

La nostra offerta dedicata alle mamme include:

  • 1 visita Fisiatrica
  • 5 sedute dall’Osteopata
  • 1 consulto Psicologico
  • 2 massaggi da 30′ dai nostri Fisioterapisti

Tutto a 475 € invece di 630 €.

Chiamaci subito per saperne di più!

Read More

L’Osteopatia Pediatrica

Adottata già in molti Paesi, ma ancora poco diffusa in Italia, l’Osteopatia Pediatrica è un approccio sicuro e naturale per la salvaguardia della salute e si rivolge alla cura dei neonati e dei bimbi per alleviare le tensioni meccaniche acquisite prima, durante o dopo la nascita.

Lo sforzo a cui si sottopone il nascituro durante la nascita, infatti, può essere considerevole, soprattutto quando avviene in modo naturale (non a caso si parla di trauma o stress da parto). Un bimbo troppo grosso di dimensione, un bacino stretto o anomalie posturali della mamma, contrazione uterine indotte o qualsiasi altro fattore non fisiologico, possono portare problematiche al bimbo.

Pertanto in sala parto, soprattutto nei Paesi del Nord Europa, l’Ostetrica è affiancata dall’Osteopata, al quale viene chiesto di verificare, non appena il neonato viene alla luce, se il parto può aver creato delle disfunzioni o tensioni anomale e non fisiologiche al bimbo.

In questa occasione l’Osteopata verifica che i movimenti del bimbo siano simmetrici, che il cranio non abbia subito delle distorsioni, per evitare di avere in futuro plagiocefalie, ovvero testa schiacciata e non tonda e infine, che non siano presenti disfunzioni a livello del bacino che possano condizionare lo sviluppo motorio.

Le strutture del bimbo coinvolte possono essere quelle muscolo scheletriche, viscerali o sistemiche e le problematiche che si possono verificare sono da tenere monitorate.

Sin dalla vita che il feto ha all’interno dell’utero, infatti, si possono verificare dei condizionamenti che provocano disfunzioni, mentre durante il delicato momento del travaglio le ossa del cranio vengono sottoposte a fortissime tensioni. Le spinte uterine possono modificare il cranio del neonato e quest’ultimo potrebbe incorrere in disturbi somatici di vario tipo. La maggior parte dei bimbi rafforzerà le proprie difese autonomamente, ma nel caso in cui non lo facesse, è compito dell’Osteopatia Pediatrica prevenire disturbi che si potrebbero verificare in seguito.

Le pratiche osteopatiche, delicate e non invasive, si rivolgono al nascituro, ma non si esauriscono nei suoi primi momenti di vita. Nei primi mesi, il ruolo dell’Osteopata si dimostra di primaria importanza: a lui spetta occuparsi del bambino nella sua interezza, considerando il corpo e la mente, le emozioni e lo spirito ed è consigliabile continuare a sottoporlo a queste cure per tutta l’età evolutiva.

L’Osteopatia in generale e quella pediatrica in particolare, tratta il paziente e non la malattia. L’intenzione è quella di ripristinare l’integrità strutturale e la continuità dei fluidi. Solo allora il corpo potrà mettere in atto il suo potere d’autoguarigione.

Cosa cura l’Osteopatia nel neonato e nel bambino:

  • Disturbi del sonno
  • Plagiocefalie
  • Torcicollo miogeno
  • Otiti e Sinusiti
  • Infezioni respiratorie ricorrenti
  • Rigurgito non fisiologico
  • Coliche
  • Stipsi e disturbi gastro-intestinali
  • Disturbi di suzione
  • Malocclusione
  • Disfunzioni temporo-madibolari
  • Asimmetrie posturali nel bambino
  • Scoliosi
Read More
WhatsApp chat