Benvenuti al Centro Politerapico Ribor

Orari : Lun - Ven: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00
  Telefono : +39 02 98993771

Recupero e Potenziamento

Le fasi della riabilitazione

In linea generale il percorso di riabilitazione si divide in due fasi:

  • la riabilitazione specifica;
  • il mantenimento.

La fase di riabilitazione specifica è mirata a riacquistare la completa libertà di movimento dell’arto coinvolto nell’intervento. In questa fase dunque è necessario stabilizzare le articolazioni, riacquistare la lunghezza e l’elasticità dei muscoli e acquisire delle posture corrette. La fase di mantenimento invece ha come obiettivo preservare la condizione di equilibrio raggiunta dal paziente durante la prima fase. In questo caso quindi si procede con un programma di esercizi prevalentemente aerobici, i quali aiutano ad eliminare la massa grassa e a tonificare i muscoli a livello globale.

Alcuni esempi di esercizi

Nella palestra riabilitativa si svolgono attività basate su alcune tipologie di esercizi. La combinazione di questi esercizi fa parte di un programma specifico che ha lo scopo di aiutare in un primo momento il paziente con degli strumenti specifici e successivamente di garantire che il soggetto mantenga nel tempo i risultati ottenuti. Proprio per questo motivo all’interno della palestra che offre processi riabilitativi, sono presenti diversi attrezzi che il paziente può utilizzare per rendere completi gli esercizi.

L’offerta del Centro Politerapico Ribor

I moderni attrezzi citati e molti altri possono essere trovati all’interno della palestra del Centro Politerapico Ribor, dove ogni paziente viene seguito da personale specializzato nella riabilitazione in seguito ai traumi ortopedici o agli interventi chirurgici subiti. Non solo, il Centro Politerapico Ribor ha progettato anche un programma specifico denominato Post-Fisio che permette ai pazienti di accedere alla palestra della sede in tutta libertà, grazie ad un determinato numero di ingressi sempre assistiti da un professionista dedicato al supporto e alla verifica che l’esercizio venga svolto nel modo corretto. In questo modo sarà possibile portare avanti gli esercizi assegnati dal fisioterapista di riferimento, dopo il trattamento della fase acuta.

Benefici della palestra riabilitativa

Oltre all’attività fisica che prevede l’utilizzo degli attrezzi, la riabilitazione in palestra si serve di soluzioni come la ginnastica dolce e la ginnastica posturale per sostenere i pazienti nel percorso post-operatorio o post-traumatico. I benefici derivanti da queste tipologie di attività fisica sono immediatamente visibili: la correzione della postura, che oltre ad apportare vantaggi a livello fisico aiuta a stabilire anche un equilibrio psicologico, il miglioramento della tonicità ed elasticità dell’apparato muscolare e il rafforzamento del sistema immunitario.

Altri benefici e controindicazioni

Altri benefici includono inoltre il miglioramento della circolazione sanguigna, un maggior rilascio di endorfine e un miglioramento generale del ritmo sonno-veglia quotidiano. Quanto alle controindicazioni invece, queste sono piuttosto limitate e riguardano principalmente l’assenza di gradualità nella pratica dei diversi esercizi che potrebbe portare ad un peggioramento del tenore muscolare.

La riabilitazione in palestra rappresenta un valido aiuto ai pazienti che hanno subito un trauma o un intervento chirurgico. Per mezzo di attrezzi e piani di recupero mirati è possibile riacquistare gradualmente le normali funzioni muscolari.

 

Palestra riabilitativa: uno speciale programma post-fisioterapia

L’importanza della palestra riabilitativa

Quando ci si sottopone ad un importante intervento chirurgico è necessario, per ristabilire il corretto funzionamento della parte interessata, prendere parte ad un percorso riabilitativo. Quest’ultimo comprende un insieme di sedute che avvengono nella palestra riabilitativa. La riabilitazione non è un passaggio immediato, svolto subito dopo l’intervento, bensì un percorso graduale, che viene assegnato dal fisioterapista al paziente tenendo conto di alcuni dettagli essenziali. Qualunque tipo di programma riabilitativo deve infatti considerare il tipo di intervento a cui il paziente è stato sottoposto, il tempo stimato per la guarigione dei tessuti e le indicazioni del chirurgo o del medico che ha in cura il paziente.

Le fasi della riabilitazione

In linea generale il percorso di riabilitazione si divide in due fasi:

  • la riabilitazione specifica;
  • il mantenimento.

La fase di riabilitazione specifica è mirata a riacquistare la completa libertà di movimento dell’arto coinvolto nell’intervento. In questa fase dunque è necessario stabilizzare le articolazioni, riacquistare la lunghezza e l’elasticità dei muscoli e acquisire delle posture corrette. La fase di mantenimento invece ha come obiettivo preservare la condizione di equilibrio raggiunta dal paziente durante la prima fase. In questo caso quindi si procede con un programma di esercizi prevalentemente aerobici, i quali aiutano ad eliminare la massa grassa e a tonificare i muscoli a livello globale.

Alcuni esempi di esercizi

Nella palestra riabilitativa si svolgono attività basate su alcune tipologie di esercizi. La combinazione di questi esercizi fa parte di un programma specifico che ha lo scopo di aiutare in un primo momento il paziente con degli strumenti specifici e successivamente di garantire che il soggetto mantenga nel tempo i risultati ottenuti. Proprio per questo motivo all’interno della palestra che offre processi riabilitativi, sono presenti diversi attrezzi che il paziente può utilizzare per rendere completi gli esercizi.

L’offerta del Centro Politerapico Ribor

I moderni attrezzi citati e molti altri possono essere trovati all’interno della palestra del Centro Politerapico Ribor, dove ogni paziente viene seguito da personale specializzato nella riabilitazione in seguito ai traumi ortopedici o agli interventi chirurgici subiti. Non solo, il Centro Politerapico Ribor ha progettato anche un programma specifico denominato Post-Fisio che permette ai pazienti di accedere alla palestra della sede in tutta libertà, grazie ad un determinato numero di ingressi sempre assistiti da un professionista dedicato al supporto e alla verifica che l’esercizio venga svolto nel modo corretto. In questo modo sarà possibile portare avanti gli esercizi assegnati dal fisioterapista di riferimento, dopo il trattamento della fase acuta.

Benefici della palestra riabilitativa

Oltre all’attività fisica che prevede l’utilizzo degli attrezzi, la riabilitazione in palestra si serve di soluzioni come la ginnastica dolce e la ginnastica posturale per sostenere i pazienti nel percorso post-operatorio o post-traumatico. I benefici derivanti da queste tipologie di attività fisica sono immediatamente visibili: la correzione della postura, che oltre ad apportare vantaggi a livello fisico aiuta a stabilire anche un equilibrio psicologico, il miglioramento della tonicità ed elasticità dell’apparato muscolare e il rafforzamento del sistema immunitario.

Altri benefici e controindicazioni

Altri benefici includono inoltre il miglioramento della circolazione sanguigna, un maggior rilascio di endorfine e un miglioramento generale del ritmo sonno-veglia quotidiano. Quanto alle controindicazioni invece, queste sono piuttosto limitate e riguardano principalmente l’assenza di gradualità nella pratica dei diversi esercizi che potrebbe portare ad un peggioramento del tenore muscolare.

La riabilitazione in palestra rappresenta un valido aiuto ai pazienti che hanno subito un trauma o un intervento chirurgico. Per mezzo di attrezzi e piani di recupero mirati è possibile riacquistare gradualmente le normali funzioni muscolari.