Benvenuti al Centro Politerapico Ribor

Orari : Lun - Ven: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00
  Telefono : +39 02 98993771

Logopedia

Che cos’è la logopedia?

La parola logopedia nasce dall’unione di due termini di origine greca (logos “discorso” e paideia “educazione”) e indica quella branca della medicina dedicata allo studio, prevenzione e cura dei disturbi della sfera comunicativa. La scienza logopedica abbraccia una vasta gamma di problematiche che possono presentarsi sia durante l’età evolutiva (nei bambini, talvolta anche molto piccoli) che nel corso della vita adulta e che possono essere causate da un fisiologico processo di invecchiamento (logopedia geriatrica) o da incidenti a carico di diverse parti del corpo umano. Il logopedista è la figura medica di riferimento nel caso si manifestino disturbi legati alla comunicazione orale, alla corretta pronuncia di suoni e parole, alla comprensione e all’integrazione di ogni forma di linguaggio.

Quando è necessario rivolgersi al logopedista?

Poiché la logopedia è una scienza molto vasta, si può ricorrere all’intervento di un logopedista in presenza di problemi e disfunzioni dalle caratteristiche incredibilmente variabili. Tra i casi più comuni in cui può essere necessaria una consulenza logopedica troviamo le dislalie e disturbi della pronuncia. Questi emergono sin dall’età evolutiva e, se trattati precocemente, le possibilità di ridurne l’impatto sullo sviluppo del bambino sono molto elevate. Un esempio molto comune di questa categoria di disturbi è la balbuzie, ovvero la difficoltà nel pronunciare correttamente le parole dovute alla tendenza di “incepparsi” prima della loro fine.

La terapia logopedica nel trattamento dei disturbi della deglutizione

Condizioni come la disfagia o la deglutizione deviante possono avere forti ripercussioni su tutto l’organismo, nonché sul corretto raggiungimento delle diverse tappe evolutive che caratterizzano la crescita del bambino. Disturbi come questi possono originare da difetti nell’occlusione della bocca, da atteggiamenti posturali scorretti o da problemi legati allo sviluppo delle aree della corteccia cerebrale deputate al controllo della coordinazione e della contrazione dei muscoli, volontari e involontari, del corpo. In questi casi, la terapia logopedica può attenuare le conseguenze psico-fisiche di tali disturbi, nonché, in alcuni casi, correggerli definitivamente. La figura del logopedista si rivela, in questo come in molti altri casi, un tassello chiave all’interno di una visione olistica e integrativa dell’approccio medico rispetto a diagnosi, prevenzione e cura dei disturbi dell’organismo.

Individuare precocemente i disturbi specifici dell’apprendimento

Alcuni bambini mostrano, sin dai primi anni di vita, maggiori difficoltà rispetto ai loro coetanei nel raggiungimento di obiettivi tipici del percorso evolutivo infantile. Per alcuni di essi imparare a leggere, scrivere o far di conto può nascondere insidie a volte difficili da identificare. In questi casi si parla di disturbi specifici dell’apprendimento, una categoria di problemi dalle caratteristiche ben definite che troppo spesso vengono ancora scambiate per pigrizia da genitori e insegnanti. Tra i più diffusi disturbi dell’età infantile troviamo la dislessia (difficoltà nel leggere), la disgrafia (difficoltà nella scrittura) e la discalculia (difficoltà nel fare calcoli e maneggiare i numeri). Quando si sospetta anche una forma lieve di uno o più disturbi dell’apprendimento lo sviluppo precoce di una terapia personalizzata è cruciale per la buona riuscita di un percorso correttivo: un buon logopedista può migliorare incredibilmente le capacità di attenzione e di apprendimento del bambino.